In UMBRIA con SANTA RITA DA CASCIA

Al secolo Margherita Lotti, nata a Roccaporena, è stata una religiosa italiana del monastero eremitano di Santa Maria Maddalena. Rimasta solo all’età di 36 anni, lasciò Roccaporena e provò ad entrare nel monastero di Santa Maria Maddalena di Cascia, ma non riuscì subito.

 

Si affidò alla preghiera e una notte in sogno vide apparire San Giovanni Battista, Agostino e Nicola da Tolentino. Si rese conto di quanto avessero contato nella sua vita e quanto da loro avesse appreso la contemplazione, la penitenza e la preghiera. Da lì, in modo inspiegabile si trovò all’interno del monastero di Cascia. Le consorelle rimasero stupite dal racconto di Rita e l’accolsero assecondando la volontà di Dio.

 

Un giorno, durante le sue solite preghiere, chiese a Gesù di partecipare al suo dolore e d’improvviso venne colpita da un fascio di luce, una spina staccatasi dal crocifisso le si conficcò in testa lasciandola una cicatrice sulla fronte che scomparve solo quando si recò a Roma per visitare le tombe di San Pietro e San Paolo, per poi ricomparire appena di ritorno a Cascia.

 

Poco prima della sua morte chiese ad una sua cugina di avere una rosa e due fichi della sua casa natia. Nonostante il freddo inverno, la cugina li trovò e li portò alla Santa che il 22 Maggio 1147 raggiunse la Casa di Dio.

 

Da qui la rosa divenne il simbolo di Santa Rita.

Altri Articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Whatsapp